La fiscalità immobiliare

 Gli immobili di proprietà di persone fisiche sono tassati sostanzialmente in due modi: quando si acquistano (imposte di registro, ipotecaria e catastale) e quando producono reddito (imposte locali e imposte di registro sulle locazioni).

Quindi al prezzo di acquisto deve esser aggiunto l'onere delle imposte, che può essere agevolato (2% per l' acquisto della prima casa) od ordinario (10% per gli altri acquisti); poi occorre considerare il caso delle vendite soggette ad IVA (ossia dalle Imprese) , per le quali le percentuali sono diverse

(dal 4% per la prima casa, sino al 22%). Come ben diversa è la somma su cui calcolare le imposte: per gli acquisti da privati, la somma è stabilita dalla rendita catastale rivalutata, per gli acquisti dalle Imprese è il prezzo pagato. 

Per quanto concerne, invece, la cosiddetta fiscalità locale (perché le aliquote sono stabilite dai Comuni) dipende da diverse circostanze, agevolazioni e, soprattutto, dalla rendita attribuita dal Catasto all'immobile.

 

Un corretto studio della situazione (venditore, rendita catastale) è indispensabile per programmare un acquisto senza avere sorprese. 

©2019 by Sarchi & Associati.  P.IVA IT02888920101